Luigi Martinale

direttore artistico Jazz Visions

1917 - 2017. Il jazz compie 100 anni.
Come si fa a dire che il jazz è nato in un momento preciso? Infatti, non si può, ma nel 1917, a New York, per la prima volta compare la parola jazz in una registrazione discografica e, cosa curiosa, il gruppo, che probabilmente non avrebbe immaginato di passare alla storia per questo motivo, era guidato da Nick La Rocca, italo-americano, suonatore di cornetta. E dopo 100 anni il jazz è vivo più che mai! E Jazz Visions intende celebrare la ricorrenza con 10 eventi unici. A tutti i musicisti della nostra stagione è stato infatti chiesto di iniziare il loro concerto con una interpretazione di Livery Stable Blues, il brano della “Original Dixieland Jass Band” (sì, proprio con due esse!) che in quel 1917 si rivelò irresistibile, vendendo in poco tempo un milione di copie. Ma le ricorrenze non finiscono qui. Thelonious Monk nacque 100 anni fa e verrà celebrato con un evento mai realizzato prima. Anche Ella Fitzgerald compirebbe 100 anni nel 2017: due splendide voci femminili, alla guida dei loro gruppi, seppur giustamente orientate su personalissimi percorsi creativi, ci ricorderanno pertanto che il mondo del jazz non è soltanto appannaggio degli uomini. E potremo ammirare anche il musicista italiano più longevo, che non ha 100 anni, ma poco ci manca: un miracolo di tenacia e creatività. E, ancora, chi nel 2017, a 17 anni, suona con talento e determinazione, lasciandoci ben sperare per il futuro di questa musica. E 50 anni fa John Coltrane lasciava il mondo terreno e quindi sarà d’obbligo ricordarlo. E ci sarà ancora molto altro. Sfogliate il nostro programma e buon divertimento!

Mauro Comba

presidente dell’Associazione "Michele Ginotta"

49 i concerti di Jazz Visions dal 2009 al 2016: 242 i musicisti, provenienti da 15 paesi diversi (Argentina, Belgio, Brasile, Danimarca, Francia, Giappone, Inghilterra, Isola di Reunion, Italia, Olanda, Principato di Monaco, Russia, Svezia, Svizzera, U.S.A.), comprese 2 corali giovanili e la classe di canto jazz del Conservatorio “Ghedini” di Cuneo. E Jazz Visions (p)e(r)siste e (r)esiste -questo essendo ormai il nostro motto- sostenuta dalla Regione Piemonte, dalle Amministrazioni di Bagnolo P.te, Osasco, Pinerolo, Saluzzo, dalle ditte Azimut, GSE, Giletta, capofila di una cordata di imprenditori il cui apporto è per noi essenziale, e, per questo, li ringraziamo. Come ringraziamo Toni Bertorelli e Luigi Stoisa per la loro presenza, quest’anno, con noi, a Jazz Visions. E poiché tutto questo (il riuscire, cioè, ad esistere) ci pare -credetemi- come la manifestazione di una specie di sia pur laicissimo miracolo, vi lasciamo, per via di metafora, con una splendida riflessione di Paul Valery, cui aggiungiamo una breve postilla, quasi in coda:

“L’Annunciazione è una meraviglia – Davvero Leonardesca- con l’emozione e il mistero della Fecondazione -sullo sfondo. Il punto critico di tenerezza situato tra l’atto (qui mistico) e il germe della carne della vergine – È un’idea straordinaria, di una “poesia” suprema – L’Angelo l’annuncia assai semplicemente, e ha decisamente ragione. Ma è lecito pensare che avrebbe potuto essere imbarazzato, impacciato – Immagino di dover rifare la Scena. Chi se la caverebbe? È un compito da poeti. O da musicisti! Il frutto delle vostre viscere”¹.

¹ - P.Valery, Quaderni, V, Adelphi, 2002, p.389.

Ente organizzatore Cenacolo Studi "Michele Ginotta"

Presidente Mauro Comba

Il Cenacolo studi Michele Ginotta organizza Jazz Visions e l’unico premio nazionale di poesia in forma chiusa, giunto quest’anno alla XIV edizione.

Pubblicazioni del Cenacolo:
AMEDEO MALINGRI, Poesie (1408-1413), a cura di Mauro Comba, Prefazione e chine di Piero Riva, Est Editrice, Torino, 2007 (testo originale in appendice).
ARDUINO, Anthonio, Lauda Alli Sancti Innocenti (Barge, 1523), a cura di Mauro Comba e Giorgio Di Francesco, Est edizioni, Torino, 2006.
AVVENTURE di BARGE (poemetto eroicomico settecentesco), a cura di Mauro Comba, Prefazione di Giorgio Di Francesco, Est Editrice, Torino, 2005.
GINOTTA, Michele, Inno a Barge (Hymnus in Bargias, 1938), con le traduzioni di Margherita Marconetto, Marino Boaglio e Mauro Comba, grafica a cura di Luigi Stoisa, Alzani, Pinerolo, 2004.
MARTELLI, Plinio, catalogo della mostra Nel paese dei balocchi [eyes & toys], tenutasi presso la biblioteca e il caffè Roma di Barge (27 marzo-9 maggio 2009), testi di Mauro Comba e Marta Concina.
PIRANDELLO, Luigi, Informazioni sul mio involontario soggiorno sulla terra, edizione trilingue con traduzione in inglese di Nicholas Hogg e, in francese, di Catherine Terreaux, 2008.
POESIA IN FORMA CHIUSA (antologia del decennale del premio letterario), collana “Edizioni di poesia a tiratura limitata” (499 esemplari numerati), Interlinea, Novara, 2013.
TABUSSO, Francesco, L’incontro, sulla riva del Tanaro, con una poesia di Giorgio Bárberi Squarotti, plaquette in 200 esemplari, Est Editrice, Torino, ottobre 2007.
IN FORMA CHIUSA 2014-2015, “Le teche del Χαός”- plaquette rilegata secondo antiche tecniche giapponesi.

Novità:
AMORI IN FORMA CHIUSA 2016, “Le teche del Χαός”- edizioni Matisklo, Savona, 2016.
JAZZ VISIONS. FOTOGRAFARE LA MUSICA 2009-2016, a cura di Luigi Martinale e Giorgio Vergnano, Jazz Visions 2017.

Pubblicazioni disponibili presso il Cenacolo studi Michele Ginotta:
AAVV (Franco Bongiovanni, Mauro Comba, Luigi Martinale, Mauro Maurino), Sarabanda, manuale di educazione musicale, Alzani, Pinerolo, 1988.
COMBA, Mauro, Kassàndres O(d)ysìa, chine di Luigi Stoisa, grafica di Pietro Palladino, En Plein Air - Arte Contemporanea, Pinerolo, 2002.
GINOTTA, Michele, Barge dopo l’armistizio, 8 settembre 1943 - 6 gennaio 1944, a cura di Margherita Marconetto, Alzani editrice, Pinerolo (s.d.).
STOISA, Luigi, Il sogno, catalogo della mostra presso San Michele a Ripa Grande, Roma (5-31 maggio 2004), testi di Mauro Comba, Marta Concina e Daniela Lancioni, Marsilio Editori, Venezia, 2004.

Michele Ginotta (1883-1944), allievo di Pascoli, fu critico letterario e poeta bilingue (italiano e latino). Pubblicazioni: Il dialetto di Barge, parte I. – Fonologia, tesi di laurea discussa l’11 novembre 1909, edita a Bologna per i tipi della Cooperativa Tipografica Mareggiani nel 1912, citata nel Lexicon der Romanistischen Linguistik (LRL), a cura di G.Holtus, M.Metzeltin e C.Schmitt, vol. IV, Italienisch, Korsisch, Sardisch, Arealinguistik II. Piemont, p.483, Max Niemeyer Verlag, Tubinga, 1988; Gli affetti familiari nella poesia di Giovanni Pascoli, Estratto dell’“Annuario del R. Ginnasio di Saluzzo”, 4 settembre 1925, successivamente edito presso la Tipografia Saluzzese Maccagno-Craveri & C., 1926; Le Alpi e la loro importanza economica attuale, “Cultura Geografica”, Trieste, 1930; Poesis Specimina, Edizioni Chiantore, Torino, 1934; Un’escursione al Monviso, Edizioni Stefano Calandri, Moretta (Cuneo), 1944; Favole latine e poesie italiane, Edizioni Stefano Calandri, Moretta (Cuneo), 1948 (il testo, con prefazione datata 19 giugno 1944, raccoglie composizioni latine scritte tra il 1937 e il 1941 e poesie italiane composte tra il 1918 e il 1939). Si segnala inoltre, riguardo alle composizioni in lingua latina del Ginotta, che queste furono pubblicate su diversi numeri della rivista “Alma Roma”; Barge dopo l’armistizio, Note storiche (8 settembre 1943 - 6 gennaio 1944), Alzani, Pinerolo (s.d.); Hymnus in Bargias, edizione critica del testo latino a cura di Mauro Comba, con traduzioni di Margherita Marconetto, Marino Boaglio e Mauro Comba, grafica a cura di Luigi Stoisa, Pinerolo, Alzani, 2004.

Bandi di concorso:

LIVE EXPERIENCEMUSICAARTEVIDEOFOTOGRAFIA
Jazz Visions ©2016 info@jazzvisions.it / 339.2514218 | Ass. Cenacolo Studi "Michele Ginotta" - p.iva 03301260042