Luigi Martinale

direttore artistico Jazz Visions

Jazz Visions compie 10 anni!

Presentare una nuova stagione significa guardare avanti,
ma celebrare una ricorrenza significa anche fare il punto guardandosi indietro.
In questi anni, Jazz Visions ha portato, su un territorio che si estende tra la provincia di Torino e quella di Cuneo, grandi artisti della scena nazionale e internazionale, offrendo al pubblico proposte sempre diversificate e di notevole rilevanza, nonché molte produzioni originali create appositamente per la rassegna. Si sono inoltre realizzati laboratori per le scuole, pubblicati due lavori discografici, indetto un concorso fotografico, scritti monologhi teatrali sui grandi del jazz e organizzati incontri divulgativi. Ha inoltre collaborato con fotografi, pittori, scultori, scenografi, attori, in una sinergia artistica tesa a rendere ogni evento, per quanto possibile, unico.
La nuova stagione è ricca e diversificata, come da sempre cerchiamo di programmare.
Le insolite sonorità di Godard e D’Auria faranno da apertura, proseguendo con Alberto Tafuri per l’ormai tradizionale piano solo alla Croce Nera di Saluzzo. Il suono bruciante della tromba di Giovanni Amato, nel solco del mainstream più attuale, si inoltrerà nel Parco dei Conti Cacherano ad Osasco. Due sassofoniste, cosa non usuale nel jazz, guideranno i loro gruppi per questa nostra stagione: la ormai statunitense Ada Rovatti, nome illustre della scena internazionale, che sarà sul palco alle Officine Giletta, mentre la altoatesina Helga Plankensteiner sarà alla testa del suo Plankton al Magda Olivero di Saluzzo. Una produzione originale, con una formazione allargata curata dal sottoscritto, unirà le sonorità del quartetto jazz con il Classwing Ensemble del Consevatorio “G.F.Ghedini” di Cuneo, al Teatro Sociale di Pinerolo e al Teatro Toselli di Cuneo. Altra produzione originale, di difficile definizione, sarà lo spettacolo che andrà in scena al Teatro del Forte di Torre Pellice, in una pièce in bilico tra teatro e concerto.
Chiuderà la stagione un sentito e doveroso omaggio a Gigi Di Gregorio, che aveva illuminato con la sua musica una serata di Jazz Visions di alcuni anni fa.

Mauro Comba

presidente dell’Associazione "Michele Ginotta"

Jazz Visions - X Edizione: (se r)esistiamo, allora persistiamo

Una cartolina dall’Italia agli USA ora che non è più l’epoca di racconti dell’età del jazz

“Noi qui viviamo di leggende che sono state diffuse non si sa da chi, a cui la gente ama credere. Essere jazzisti negli Stati Uniti, anche se dotati di grande talento, è difficilissimo, perché fondamentalmente, ancora oggi, in quel Paese del jazz non gliene frega niente a nessuno...Tanto per dire, Chicago ha tre jazz club, non cinquanta come uno potrebbe pensare. In sintesi, il jazz non è remunerativo e invece la logica americana è basata sul “make money”, per cui si privilegiano forme di intrattenimento che rendono soldi” (E.Pieranunzi, in Enrico Pieranunzi, intervista di Michele Ariodante, “Classic Jazz”, sett.2016, n.2, Sprea Editore, pp.16-23, p.20). Noi, qui, però, a Jazz Visions, continuiamo con le djassban che battono e martellano (hammered and hammered) ritmi jazz (E.Pound, Cantos, XXIX,VI,13).

Jazz Visions 2009-2018:
• 9 edizioni
• 70 concerti
• 298 musicisti da 18 paesi del mondo
• 25 artisti con le loro “Visions”
• 5 attori e registi
• 4 corali e 10 grandi formazioni

Un grazie a:
• Regione Piemonte
• Sindaci, Assessorati alla Cultura e Amministrazioni di Bagnolo P.te, Osasco, Pinerolo e Saluzzo
• Conservatorio “G.F.Ghedini” di Cuneo
• Ditta Giletta di Revello
• Ditta GSE di Bagnolo P.te

Ente organizzatore Cenacolo Studi "Michele Ginotta"

Presidente Mauro Comba

Il Cenacolo studi Michele Ginotta organizza Jazz Visions e l’unico simposio nazionale di poesia in forma chiusa, giunto, nel 2019, alla XVI edizione. Un riscontro critico di rilievo al simposio e alla caratura di alcuni dei poeti che vi partecipano, o vi hanno partecipato negli anni, si legge nel corposo saggio di Valter Boggione, La sete che mai non sazia, in Giorgio Bárberi Squarotti, Dialogo infinito, voll.2, Genesi Editrice, Torino, 2017, vol.I, pp.I-CLXX, pp. CXXII-CXXIV.

Pubblicazioni del Cenacolo:
AMEDEO MALINGRI, Poesie (1408-1413), a cura di Mauro Comba, Prefazione e chine di Piero Riva, Est Editrice, Torino, 2007 (testo originale in appendice).
ARDUINO, Anthonio, Lauda Alli Sancti Innocenti (Barge, 1523), a cura di Mauro Comba e Giorgio Di Francesco, Est edizioni, Torino, 2006.
AVVENTURE di BARGE (poemetto eroicomico settecentesco), a cura di Mauro Comba, Prefazione di Giorgio Di Francesco, Est Editrice, Torino, 2005.
GINOTTA, Michele, Inno a Barge (Hymnus in Bargias, 1938), con le traduzioni di Margherita Marconetto, Marino Boaglio e Mauro Comba, grafica a cura di Luigi Stoisa, Alzani, Pinerolo, 2004.
MARTELLI, Plinio,catalogo della mostra Nel paese dei balocchi [eyes & toys], tenutasi presso la biblioteca e il caffè Roma di Barge (27 marzo-9 maggio 2009), testi di Mauro Comba e Marta Concina.
PIRANDELLO, Luigi, Informazioni sul mio involontario soggiorno sulla terra, edizione trilingue con traduzione in inglese di Nicholas Hogg e, in francese, di Catherine Terreaux, 2008.
POESIA IN FORMA CHIUSA (antologia del decennale del premio letterario), collana “Edizioni di poesia a tiratura limitata” (499 esemplari numerati), Interlinea, Novara, 2013.
TABUSSO, Francesco, L’incontro, sulla riva del Tanaro, con una poesia di Giorgio Bárberi Squarotti, plaquette in 200 esemplari, Est Editrice, Torino, ottobre 2007.
IN FORMA CHIUSA 2014-2015, “Le teche del Χαός”- plaquette rilegata secondo antiche tecniche giapponesi.
AMORI IN FORMA CHIUSA2016, “Le teche del Χαός”, Edizioni Matisklo, Savona, 2016.
ANNUNCIAZIONI ed ALTRE APPARIZIONI, 2017, “Le teche del Χαός”, Edizioni del Cenacolo, plaquette rilegata secondo antiche tecniche giapponesi.
VOCI, 2018, “Le teche del Χαός”, Edizioni del Cenacolo, plaquette rilegata secondo antiche tecniche giapponesi.

Pubblicazioni disponibili presso il Cenacolo studi “Michele Ginotta”:
AAVV (Franco Bongiovanni, Mauro Comba, Luigi Martinale, Mauro Maurino), Sarabanda, manuale di educazione musicale, Alzani, Pinerolo, 1988.
COMBA, Mauro, Kassàndres O(d)ysìa, chine di Luigi Stoisa. grafica di Pietro Palladino, En Plein Air- Arte Contemporanea, Pinerolo, 2002.
COMBA, Mauro, Sapevo cosa fosse il mare, sapevo cosa fosse il male, non sapevo ci fossero i fiori, i fiori del male nel mare, “Sipario”, anno LXXIII, nn.923/924, 2019.
GINOTTA, Michele, Barge dopo l’armistizio, 8 settembre 1943 - 6 gennaio 1944, a cura di Margherita Marconetto, Alzani editrice, Pinerolo (s.d.).
STOISA, Luigi, Il sogno, catalogo della mostra presso San Michele a Ripa Grande, Roma (5-31 maggio 2004), testi di Mauro Comba, Marta Concina e Daniela Lancioni, Marsilio Editori, Venezia, 2004.

Michele Ginotta (1883-1944), allievo di Pascoli, fu critico letterario e poeta bilingue (italiano e latino). Pubblicazioni: Il dialetto di Barge, parte I. – Fonologia, tesi di laurea discussa l’11 novembre 1909, edita a Bologna per i tipi della Cooperativa Tipografica Mareggiani nel 1912, citata nel Lexicon der Romanistischen Linguistik (LRL), a cura di G.Holtus, M.Metzeltin e C.Schmitt, vol. IV, Italienisch, Korsisch, Sardisch, Arealinguistik II. Piemont, p.483, Max Niemeyer Verlag, Tubinga, 1988; Gli affetti familiari nella poesia di Giovanni Pascoli, Estratto dell’“Annuario del R. Ginnasio di Saluzzo”, 4 settembre 1925, successivamente edito presso la Tipografia Saluzzese Maccagno-Craveri & C., 1926; Le Alpi e la loro importanza economica attuale, “Cultura Geografica”, Trieste, 1930; Poesis Specimina, Edizioni Chiantore, Torino, 1934; Un’escursione al Monviso, Edizioni Stefano Calandri, Moretta (Cuneo), 1944; Favole latine e poesie italiane, Edizioni Stefano Calandri, Moretta (Cuneo), 1948 (il testo, con prefazione datata 19 giugno 1944, raccoglie composizioni latine scritte tra il 1937 e il 1941 e poesie italiane composte tra il 1918 e il 1939). Si segnala inoltre, riguardo alle composizioni in lingua latina del Ginotta, che queste furono pubblicate su diversi numeri della rivista “Alma Roma”; Barge dopo l’armistizio, Note storiche (8 settembre 1943 - 6 gennaio 1944), Alzani, Pinerolo (s.d.); Hymnus in Bargias, edizione critica del testo latino a cura di Mauro Comba, con traduzioni di Margherita Marconetto, Marino Boaglio e Mauro Comba, grafica a cura di Luigi Stoisa, Pinerolo, Alzani, 2004.

Bandi di concorso:







In base alla Legge n.124 del 4 agosto 2017, "Legge annuale per il mercato e la concorrenza", art.1, commi 125, 126, 127, si rende noto che l'associazione Cenacolo studi "Michele Ginotta" ha ricevuto, da Pubbliche Amministrazioni, nell'anno solare 2018, i seguenti contributi e vantaggi economici, di importo pari o superiore ad €.10.000,00:

1) MiBACT (tramite l'Amministrazione del Comune di Bagnolo P.te), Direzione Generale dello Spettacolo, in base alla Determinazione Direttoriale Rep.n.628 del 12 giugno 2018, un contributo pari ad €.28.550,00 per la realizzazione del progetto "Borghi Swing" 2018.

2) Regione Piemonte, Direzione Promozione della Cultura, del Turismo e dello Sport - Settore Promozione delle Attività Culturali, del Patrimonio Linguistico e dello Spettacolo, in base alla Determinazione Dirigenziale n.672/A2003A del 17 dicembre 2018, un'assegnazione di contributo pari ad €.11.300,00 a sostegno del progetto "Jazz Visions 2018".

LIVE EXPERIENCEMUSICAARTEVIDEOFOTOGRAFIA
Jazz Visions ©2016 info@jazzvisions.it / 339.2514218 | Ass. Cenacolo Studi "Michele Ginotta" - p.iva 03301260042
Informativa privacy